Il Tallero d'oro e la sua storia

Il Tallero d’oro è dal 1946 un marchio protetto dell’Heimatschutz Svizzera e di Pro Natura. 

Tutto è cominciato per caso. Nel 1946, il Lago di Sils, nell’Alta Engadina, correva il rischio di essere sommerso da un lago artificiale e l’impareggiabile paesaggio di essere deturpato dalla costruzione di una centrale. Per scongiurare questa minaccia, nacque l’idea di indennizzare i Comuni che non avrebbero incassato i canoni d’acqua. E così Pro Natura e l’Heimatschutz Svizzera diedero vita al Tallero d’oro. Il Consigliere federale Walter Stampfli, dal quale dipendevano gli uffici preposti al razionamento e alle derrate alimentari in tempo di guerra, recepì positivamente la proposta e liberò 25 tonnellate dell’allora razionata cioccolata. Dopo soli due mesi, tra il 9 e il 10 febbraio 1946 furono venduti 823'420 talleri in tutta la Svizzera. Furono questi talleri che permisero di salvare il Lago di Sils.

Da allora, la Vendita del Tallero rappresenta per le due organizzazioni una fonte di finanziamento irrinunciabile e un importante strumento di sensibilizzazione per la realizzazione dei loro compiti e progetti in favore della collettività.

I temi dal 1946

Tallero 2016: Giardini e Parchi

Più verde, meno cemento! I giardini e i parchi sono oasi in un mondo sempre più concitato, e proprio come le oasi scompaiono l’uno dopo l’altro, privandoci di luoghi in cui rilassarci, in cui giocare o in cui proliferano molte specie animali e vegetali. Acquistando un tallero d’oro, contribuite a salvaguardare preziosi spazi verdi e a crearne di nuovi.

Tallero 2015: Prati fioriti

I prati fioriti sono ottimi habitat per una moltitudine di specie animali e per quasi la metà delle specie vegetali presenti in Svizzera. Dalla metà del secolo scorso, tuttavia, questi ambienti vengono vieppiù soppiantati dall’agricoltura intensiva e dall’edilizia. La vendita del tallero si impegna per la salvaguardia dei prati fioriti nel nostro paese.
> Volantino informativo - Prati fioriti

Tallero 2014: Piazza

Le piazze sono importanti punti di incontro nei nostri quartieri e paesi, ma se panchine e alberi lasciano il posto a parcheggi, diventano spazi deserti e disertati. Con la vendita del tallero 2014, l'Heimatschutz Svizzera si adopera per ravvivare e conservare le piazze, assicurando loro un futuro. 
> Volantino informativo - Piazza

Tallero 2013: Rane & Co.

La vendita del tallero 2013 fornisce un importante contributo alla creazione di stagni per offrire nuovi habitat a rane e altri anfibi. Benché questi animali siano protetti, la loro esistenza è minacciata a causa della mancanza di aree umide dove possono riprodursi.

Tallero 2012: Interni storici

In molti spazi – non solo saloni riccamente arredati, ma anche locali di edifici rurali o alloggi di gente semplice – è tuttora possibile osservare come abitavano e vivevano i nostri antenati. Questi importanti testimoni del nostro passato continuano a scomparire, spesso nell’inconsapevolezza della popolazione.

Tallero 2011: Biodiversità nel bosco

Il bosco è importante per l’uomo, perché fornisce legno, lavoro, spazi di svago, protezione contro i pericoli naturali, ma anche perché ospita numerose specie animali e vegetali (il 60% delle specie svizzere), alcune delle quali rare.

Tallero 2010: Mezzi di trasporto storici

Numerosi batelli a vapore, funivie e ferrovie a cremagliera risalenti agli inizi dell'industria turistica sono oggi minacciati dai mezzi moderni. Il provento della vendita del tallero 2010 contribuisce a salvare queste affascinanti testimonianze della tecnica e dei trasporti dei tempi andati.

Tallero d’oro 2009: 100 anni di Pro Natura

La Svizzera ha bisogno di nuovi parchi nazionali e naturali. Il provento della vendita del tallero 2009 sarà in primo luogo usato per i due progetti di Parco nazionale del Locarnese e Parc Adula, ma servirà anche a sostenere la creazione di parchi naturali regionali.

Tallero d’oro 2008: Biodiversità

Il concetto di biodiversità abbraccia tutte le specie, gli ambienti naturali e le risorse genetiche. Essendo tutte interdipendenti, la rarefazione delle specie può squilibrare gravemente l’intero ecosistema. Con i proventi della vendita del tallero 2008, Pro Natura promuove la varietà delle specie e la salvaguardia di preziosi paesaggi, importanti perché habitat e zone di svago per l’uomo, gli animali e le piante.

Tallero d’oro 2007: Vivere l’architettura

In Svizzera, su un territorio esiguo sorge una grande varietà di pregiati beni architettonici. Col ricavato della Vendita sarà possibile contribuire alla conservazione di preziose testimonianze architettoniche della Svizzera, al salvataggio e al rinnovamento di edifici a rischio di demolizione o di crollo che la Fondazione Vacanze in edifici storici potrà poi affittare come case di vacanza.

Tallero d'oro 2006: Flüsse/Rivières/Fiumi/Flums

Nell’ambito della campagna Liberate i nostri fiumi!, Pro Natura ha destinato il provento della vendita del tallero alla rinaturazione dei corsi d’acqua. I ruscelli devono tornare a gorgogliare, le piante e gli animali hanno bisogno di corsi d’acqua naturali e noi uomini di un ambiente di ricreazione e svago importante e prezioso.

Tallero d'oro 2005: 100 anni Heimatschutz Svizzera

Il 60mo della Vendita del Tallero è coinciso con il centenario dell’Heimatschutz Svizzera. Il provento del 2005 permette di realizzare una nuova e originale offerta di formazione: il Centro per la cultura architettonica che sorgerà a Villa Patumbah, ubicata in una zona centrale di Zurigo. Il Centro si rivolgerà in primo luogo alle scuole – insegnanti e allievi - e in generale a tutte le persone interessate a conoscere i beni culturali del passato e del presente.

Tallero d'oro 2004: Vie di comunicazione storiche

Il provento della Vendita del Tallero è andato a sostegno del programma Itinerari culturali della Svizzera curato da ViaStoria. Nel corso dei secoli, è andata formandosi nello spazio alpino una fitta rete di vie di comunicazione – mulattiere, strade ferrate, carrozzabili ecc. – disseminata di moltissimi supporti del traffico. Lo scopo del programma è quello di conservare queste preziose testimonianze mettendole al servizio di un turismo dolce.

Tallero d'oro 2003: Farfalle

Nell’interesse delle specie di farfalle minacciate di estinzione, la Vendita del Tallero 2003 ha voluto contribuire a conservare un mondo pieno di colori e di vita. Il provento della vendita è andato a favore di progetti atti a salvaguardare gli ambienti vitali per questi insetti bellissimi e utilissimi anche sotto il profilo ecologico.

Tallero d'oro 2002: Cultura industriale

Il tema della Vendita del Tallero 2002 è stato quello della cultura industriale. Col provento della vendita, sono stati finanziati progetti volti a salvaguardare e valorizzare impianti del passato, e a rendere l’opinione pubblica consapevole dell’importanza di questo patrimonio.

Tallero d'oro 2001: Castoro

La Vendita del Tallero 2001 è andata a favore del castoro, timido animale a corto di ambienti adatti, e della “liberazione” dei fiumi incanalati. Tutta la natura ne trae profitto: rari uccelli nidificanti, come il corriere piccolo, il martin pescatore o il topino, anfibi e pesci migranti come il temolo. Una parte del provento è andata a sostegno del progetto di ripopolamento di Pro Natura sul Reno, la Birse, il Lützel e l’Ergolz.

Tallero d'oro 2000: Estavayer-le-Lac

Lo scopo dell’operazione era di conservare l’ambiente residenziale e di vita del centro storico di Estavayer-le-Lac, sul Lago di Neuchâtel. Le antiche dimore signorili, le torri difensive e le mura di cinta della cittadina risalenti al XVI secolo sono state restaurate e rese accessibili al pubblico con i mezzi messi a disposizione dalla Vendita del Tallero.

Tallero d'oro dal 1999 al 1946

1999 Aletsch

1998 Vivere la strada

1997 Paludi incantate

1996 Schenkenbergertal (AG)

1995 Giardini di un tempo

1994 Randen sciaffusano

1993 Strade e ponti (vie di comunicazione storiche)

1992 Viva il bosco

1991 Corti contadine di montagna

1990 Ruscelli naturali

1989 Trogen (AR)

1988 Luzerner Seetal

1987 Môtiers (NE)

1986 Il bosco di Finges (VS)

1985 Avenches (VD)

1984 Zone aride

1983 Hospental (UR)

1982 Operazione fiordaliso

1981 Riserva naturale Auried (FR)

1980 75 anni Heimatschutz Svizzera

1979 St-Ursanne (JU)

1978 Protezione del patrimonio e della natura

1977 Certosa di Ittingen (TG)

1976 Bolle di Magadino (TI)

1975 Beromünster (LU) e Saillon (VS)

1974 Il Centro natura e la foresta di Aletsch (VS)

1973 Spluga (GR)

1972 Riserva alpina Vanil Noir (FR)

1971 Morat (FR)

1970 Riserva naturale di Les Grangettes-Novilles (VD)

1969 Convento di San Giovanni, Monastero (GR)

1968 Riserva alpina di Gelten-Iffigen (BE)

1967 Castello di Sargans (SG) e abbaziale di Payerne (VD)

1966 Lago di Lauerz (SZ)

1965 Castello Tourbillon di Sion (VS)

1964 Per il parco nazionale (GR)

1963 Gruyères (FR)

1962 Reusstal (AG, LU)

1961 Morcote (TI)

1960 Werdenberg (SG)

1959 Foresta di Derborence (VS)

1958 Treib sul Lago dei Quattro Cantoni (UR)

1957 Castoro

1956 Breitlauenen-Lauterbrunnen (BE)

1955 Palazzo Stockalper Briga (VS)

1954 Monumenti di Tell (SZ)

1953 Stazione ornitologica di Sempach (LU)

1952 Passo del Maloggia (GR)

1951 Rigi-Kulm (SZ)

1950 Isole di Brissago (TI)

1949 Protezione del patrimonio e della natura

1948 Protezione del patrimonio e della natura

1947 Protezione del patrimonio e della natura

1946 Lago di Sils (GR)